Info generali

  • lunedì 3 settembre 2018 - ore 20.30
  • Auditorium Ist. Comprensivo "E. Talpino" - Via Famiglia Riccardi 2

Contatti

  • Ufficio Cultura 035 471 362

Sarà capitato a tutti coloro che frequentano i concerti di musica cosiddetta “classica” di desiderare, nel corso dell'esecuzione dal vivo, dopo il turbine di un primo movimento di una composizione sia orchestrale che cameristica, di desiderare un momento di ascolto più tranquillo e rilassante prima di affrontare gli altri brani che normalmente concludono le composizioni in ritmo e volume più sostenuto.
Questa necessità è sempre stata alla base di momenti che hanno impegnato i compositori a dare il meglio nell'esprimere e comunicare l'intimità dei loro sentimenti, quasi una confessione, che, specie nel periodo “romantico” dell'ottocento musicale, veniva considerato dai musicisti come la circostanza più sincera e sofferta da offrire a chi li avrebbe ascoltati.
Questi movimenti musicali sono stati ”battezzati” dagli appassionati in vario modo ma la definizione più indovinata è senz'altro quella di “Oasi” proprio a significare la parentesi tra una ridda di suoni (e rumori) più complessa e articolata che, se ci pensiamo bene e meno superficialmente, sono lo specchio della vita umana che costringe tutti a misurarsi e confrontarsi giornalmente con il mondo che ci circonda.
La serata intende mettere a confronto alcuni di questi momenti che ogni compositore, con il proprio stile e sensibilità, ci ha regalato con il suo talento.